Opportunità fiscali

La legge di bilancio 2017 ha introdotto la disciplina dell’imposta sul reddito d’impresa (c.d. “IRI”), alla quale possono accedere anche gli imprenditori individuali e le società di persone commerciali su opzione. La disciplina dell’IRI consiste in una deroga rispetto al regime di trasparenza fiscale ordinario e comporta la tassazione proporzionale degli utili non distribuiti con l’aliquota del 24%.
Alternativamente, gli utili prelevati sono tassati progressivamente, ad Irpef, concorrendo alla formazione del reddito complessivo del percipiente.
Ricevuti da diverse risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate i chiarimenti ufficiali sul punto, si osserva che l’art. 55 –bis co.1 del TUIR prevede l’applicazione del regime IRI a tutte le Snc e le Sas senza porre distinzione in merito all’attività esercitata. pertanto, potrebbero optare per l’IRI anche le STP costituite sotto forma di società di persone commerciali, purché adottino il regime della contabilità ordinaria.
Naturalmente, tale considerazione muove dal presupposto che le STP producano reddito di impresa; diversamente, non sarebbe possibile applicare l’art. 55-bis del TUIR.

L’art 2229 del Codice Civile disciplina l’esercizio delle professioni intellettuali:

«La legge determina le professioni intellettuali per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione in appositi albi o elenchi, l’accertamento dei requisiti per l’iscrizione negli albi o negli elenchi, la tenuta dei medesimi e il potere disciplinare sugli iscritti sono demandati alle associazioni professionali, sotto la vigilanza dello Stato, salvo che la legge disponga diversamente. Contro il rifiuto dell’iscrizione o la cancellazione dagli albi o elenchi, e contro i provvedimenti disciplinari che importano la perdita o la sospensione del diritto all’esercizio della professione è ammesso ricorso in via giurisdizionale nei modi e nei termini stabiliti dalle leggi speciali»

In Italia le professioni ordinistiche sono raggruppate in 28 ordini o Collegi a cui sono iscritti oltre 2.300.000 professionisti.

Attraverso la tenuta dei loro Albi, gli Ordini attestano la professionalità, la qualifica, la deontologia, le competenze, etc. dei Professionisti iscritti.

Di seguito si fa elencazione di tutte le professioni ordinistiche potenzialmente interessate alle SOCIETA’ TRA PROFESSIONISTI:

  • Agenti di Cambio;
  • Agronomi e Forestali;
  • Agrotecnici;
  • Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori;
  • Assistenti Sociali;
  • Attuari;
  • Avvocati;
  • Biologi;
  • Chimici;
  • Commercialisti ed esperti contabili;
  • Consulenti del lavoro;
  • Consulenti in proprietà industriale;
  • Farmacisti;
  • Geologi;
  • Geometri;
  • Giornalisti;
  • Guide alpine e maestri di Sci;
  • Infermieri;
  • Ingegneri;
  • Medici e Odontoiatri;
  • Ostetriche;
  • Periti Agrari;
  • Periti industriali;
  • Psicologi;
  • Tecnici radiologi;
  • Tecnologi alimentari;
  • Veterinari.